Chiamaci subito! +39 06.4464917

Giro delle Sette Chiese di Roma

Mar, 04 Novembre 2014

Giro delle Sette Chiese di Roma

Il Giro delle Sette Chiese di Roma è un’antica tradizione religiosa risalente al Cinquecento, quando San Filippo Neri la avviò con il pellegrinaggio verso le sette basiliche più antiche e importanti di Roma. Diventato in poco tempo una consuetudine devozionale radicata nel sentimento religioso del popolo romano, il Giro delle Sette Chiese consiste nel percorrere una distanza di circa 20 km, procedendo da una chiesa all’altra. Attualmente, il giro, oltre ad essere un modo per dimostrare la propria devozione, rappresenta anche un interessante itinerario per scoprire i principali luoghi di culto della Città Eterna.

Basilica di San Pietro in Vaticano

Il giro delle chiese non poteva non iniziare dalla Basilica di San Pietro in Vaticano, simbolo universale della cristianità nonché l'edificio religioso più importante al mondo. La basilica, costruita tra gli inizi del Cinquecento e i primi decenni del Seicento sul sito di un preesistente edificio di culto, fu edificata grazie al concorso di moltissimi artisti, tra i quali Bramante, Michelangelo, Maderno e Bernini. Al suo interno sono custodite pregevoli opere d’arte, tra le quali vanno segnalate: la Pietà di Michelangelo, opera che stupisce da secoli per tecnica ed emotività; e la statua di San Pietro realizzata da Arnolfo di Cambio.

Basilica di San Paolo fuori le mura

Basilica di San Paolo fuori le mura

La seconda tappa è la suggestiva Basilica di San Paolo fuori le mura situata lungo la via Ostiense, vicino alla riva sinistra del Tevere. L'affascinante edificio, che sorge sul luogo che la tradizione indica come quello della sepoltura dell’apostolo Paolo, è una delle quattro basiliche papali di Roma e rientra nella lista dei Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco. Ricostruita tra il 1825 e il 1854 in seguito alla sua completa rovina causata da un incendio, la basilica conserva splendide opere come il Ciborio, opera mirabile in stile gotico di Arnolfo di Cambio.

Basilica di San Giovanni in Laterano

Basilica di San Giovanni in Laterano

Definita "madre di tutte le chiese del mondo", la Basilica di San Giovanni in Laterano è la più antica e importante basilica d'Occidente. Posta sul colle del Celio, la basilica, ripetutamente danneggiata e restaurata, fu continuamente arricchita nel corso dei secoli. Particolarmente interessante è la sua facciata settecentesca, costruita secondo il progetto di Alessandro Galilei. Al suo interno è possibile ammirare preziosi arredi liturgici e un gran numero di pregevoli affreschi.

Basilica di San Lorenzo fuori le mura

Basilica di San Lorenzo fuori le mura

Risalente al IV secolo, anche se in gran parte ricostruita in seguito alla seconda guerra mondiale, la Basilica di San Lorenzo fuori le mura si trova sul piazzale omonimo ed è dedicata al santo che fu martirizzato l'anno 258 in seguito all'editto emanato dall'imperatore Valeriano; la basilica ospita infatti anche la sua tomba. La basilica, così come la conosciamo oggi, è il risultato della fusione di due distinte chiese: la prima, paleocristiana, voluta da Costantino I, e la seconda ideata due secoli dopo da Papa Pelagio II.

Basilica di Santa Maria Maggiore

Basilica di Santa Maria Maggiore

La Patriarcale Basilica di Santa Maria Maggiore, un autentico gioiello ricco di bellezze dal valore inestimabile, si trova sulla sommità del colle Esquilino ed è la sola che abbia conservato le strutture paleocristiane. L’edificio è impreziosito da pregevoli cappelle, tra le quali spiccano: la Cappella del Sacramento, realizzata da Domenico Fontana; e la Cappella Sforza, opera di Giacomo dalla Porta. Entrando nella basilica si rimane incantati dalla particolarità e dalla bellezza del pavimento a mosaico dei maestri marmorari Cosma detti "cosmateschi" (secolo XIII).

Basilica di Santa Croce in Gerusalemme

Basilica di Santa Croce in Gerusalemme

La Basilica di Santa Croce in Gerusalemme, detta anche Eleniana o Sessoriana, si trova nel Rione Esquilino, a ridosso delle Mura Aureliane e dell'Anfiteatro Castrense. Il suggestivo edificio, risalente al III - IV secolo d.C., affascina con la sua forma ovale ellittica, originale costruzione dell'architettura barocca. Al suo interno, oltre ad un gran numero di pregevoli opere d’arte, si trova anche la Cappella delle Reliquie, a cui si accede salendo dalla navata sinistra, dove sono custodite le Reliquie della Passione di Gesù, la più famosa delle quali è costituita dai frammenti della Croce di Cristo, ritrovati, secondo la tradizione da Sant'Elena, sul Calvario a Gerusalemme. Di particolare interesse il magnifico mosaico Gesù benedicente attorniato dagli evangelisti disegnato da Melozzo da Forlì.

Basilica di San Sebastiano fuori le mura

Basilica di San Sebastiano fuori le mura

Ultima tappa la Basilica di San Sebastiano fuori le mura nel quartiere Ardeatino, sulla via Appia Antica, sul luogo dove secondo la tradizione furono temporaneamente custoditi, in tempo di persecuzioni, i corpi degli apostoli Pietro e Paolo. Costruita nel IV secolo, la basilica conserva nella Cappella delle reliquie le impronte ritenute dei piedi di Cristo al momento del "Domine quo vadis?", una delle frecce che colpirono S. Sebastiano e la colonna ove fu incatenato quest’ultimo durante il martirio.


Scroll to Top