Chiamaci subito! +39 06.4464917

Itinerario alla scoperta delle opere di Caravaggio a Roma

Mar, 04 Novembre 2014

Itinerario alla scoperta delle opere di Caravaggio a Roma

L’itinerario proposto guiderà il turista per le vie del centro storico di Roma alla scoperta delle opere d'arte realizzate da Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, uno dei più celebri pittori italiani di tutti i tempi, i cui dipinti hanno avuto una forte influenza sulla pittura barocca.

L’itinerario parte con una visita alla Galleria Borghese, una straordinaria galleria che conserva sculture, bassorilievi e mosaici antichi, nonché dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo. In particolare, la galleria presenta la serie più numerosa di opere di Caravaggio, difatti, i visitatori possono ammirare ben 6 capolavori del celebre artista: Fanciullo con canestro di frutta (1593–1594), Bacchino malato (1593–1594), Madonna dei Palafrenieri (1605–1606), David con la testa  di Golia (1605–1606), San Girolamo scrivente (1605–1606) e Ritratto di Papa Paolo V (1605-1606).

La seconda tappa dell’itinerario è la Galleria Nazionale d'Arte Antica in Palazzo Barberini, dove è possibile ammirare due dipinti del tormentato artista: la Decapitazione di Oloferne (1599), molto celebre all'epoca per aver provocato reazioni di orrore e sorpresa a causa del suo realismo e della sua crudezza; e il Narciso (1598-1599), la cui attribuzione a Caravaggio, assai dibattuta, è stata oggi definitivamente accolta dopo il restauro.

L’itinerario prosegue con una visita alla Galleria Doria Pamphilj, una straordinaria collezione Riposo durante la Fuga in Egitto Caravaggioprivata esposta nell'omonimo palazzo che ospita tre opere di Caravaggio:  Riposo durante la Fuga in Egitto (1595 - 1596), la sua prima opera di carattere religioso, la quale riassume in maniera efficace il periodo di formazione dell’artista; Maddalena Penitente (1594-1595), la cui modella ritratta era una prostituta che Caravaggio frequentava e che più di una volta utilizzò come modella per i suoi dipinti; e una delle due versioni identiche effettuate di San Giovanni Battista.

Ci spostiamo poi verso i Musei Capitolini, nonché la struttura museale più antica del mondo, dove si possono ammirare: la versione identica a quella trovata nella Galleria Doria Pamphili di San Giovanni Battista, dipinto pressoché dimenticato fino a quando venne trovato nel 1953 all’interno dell’ufficio del sindaco; e La Buona ventura (1594), celebre dipinto copiato da parecchi artisti caraveggeschi. Da non perdere anche la Deposizione di Cristo (1602 - 1604) esposta presso i Musei Vaticani, forse l'opera più monumentale del pittore.

L’itinerario prosegue adesso alla scoperta delle opere di Caravaggio presenti nelle chiese. Uno degli incarichi più importanti dell’artista fu, tra il 1599 e il 1600, la decorazione della Cappella Contarelli nella Chiesa di San Luigi dei Francesi, dove il pittore realizzò tre capolavori assoluti: Martirio di san Matteo (1600-1601), San Matteo e l'angelo (1602) e La Vocazione di San Matteo (1599 - 1600). La tappa successiva è la Chiesa di Sant’Agostino, dove, sull’altare della prima cappella a sinistra, è esposta la Madonna di Loreto (1604-1606), detta anche Madonna dei Pellegrini. Infine, l’itinerario si conclude con la Chiesa di Santa Maria del Popolo, dove è possibile ammirare altri due grandi capolavori di Caravaggio raffiguranti la Conversione di san Paolo (1601) e la Crocifissione di san Pietro (1600 - 1601).


Scroll to Top